Salon du chocolat

logo_sdc

Si è conclusa il 12 febbraio a Milano la seconda edizione del Salon du Chocolat, la quattro  giorni dedicata al cioccolato, che ha visto impegnati chef, designer, stilisti e creativi.

Tra gli eventi:

Chocolate Fashion Show – “Chocolate Gallery”In collaborazione con NABA e i Maestri Accademici Pasticceri. Seguiranno gli abiti di Sylvie Valtan, Patrice Chapon, Jasper Garvida, Ernst Knam

Showcooking di: Davide Comaschi dedicato a LILT,  Ernst Knam, Fabio Ferrari e Dorothy Selamo a cura del Camerun, Stefano Broccoli a cura di Funny Veg Academy, Emanuela Caorsi, Paolo Sacchetti, Mirko Moglioni, Matteo Monfrinotti… e tanti altri

Chocolab: In compagnia degli animatori con l’utilizzo di stoffe, carta, colori e vari materiali i bambini potranno realizzare i loro “dolcetti fantastici” e creare dolci personaggi per animare le loro storie.

e inoltre…

Chocostory, chocodegustazioni, stand, mostre… tutte dedicate a sua maestà il cioccolato.

03

04

 

 

leccarsi… un cucchiaio

Il Design studio  Michel/Fabian ha creato un cucchiaio che pretende di migliorare il sapore del cibo, ricreando l’esperienza di leccarsi le dita.

goute-spoon-michel-fabian-design-products-kitchenware-cutlery_dezeen_2364_col_4-852x1278

Il cucchiaio Goûte ( basato sulla combinazione delle parole francesi  gusto, goût, e goccia, goutte), è il risultato di anni di ricerca di Michel/Fabian, soprattutto del co-fondatore  Andreas Fabian(dottore di ricerca con una tesi sulle posate),  sul come il design delle posate possa influenzare la percezione del cibo e il sapore.
goute-spoon-michel-fabian-design-products-kitchenware-cutlery_dezeen_2364_col_7-852x1278
Il cucchiaio ha una punta arrotondata, come un dito umano, ma nel complesso, la sua forma  allungata lo fa sembrare più un grande ghiacciolo.
Goûte è pensato per mangiare cibi spessi e cremosi come yogurt, cioccolato o miele.
goute-spoon-michel-fabian-design-products-kitchenware-cutlery_dezeen_2364_col_0-852x1278
In un esperimento condotto con la Oxford University’s Crossmodal Research Laboratory, l’esperienza sensoriale con Goûte fu trovata significativamente migliore  rispetto a quella di un normale cucchiaio  da cibo. Secondo la ricerca, il valore percettivo  del cibo è aumentato di circa il 40%. Fabian ora sta continuando la sua ricerca alla  Buckinghamshire New University, insieme al cofondatore Charles Michel e Daniele Ospina, entrambi esperti nella relazione tra cibo e disegno.
goute-spoon-michel-fabian-design-products-kitchenware-cutlery_dezeen_2364_col_14-852x1278
“La posateria convenzionale è una tecnologia che noi inseriamo nelle nostre bocche ogni giorno, ed  è progettata solamente con scopi funzionali. Noi vogliamo offrire utensili che arricchiscono il piacere, la sensualità dell’atto di alimentarsi.”

Hubba, spazio alla creatività

sms9

Hubba è  uno spazio di  co-working , situato nel centro commerciale di Habbito in una zona residenziale di Ornnuch, Bangkok. Lo spazio di 989 metri quadrati (10.645 sq. ft.) è anche il più grande ambiente di co-working in tutta l’Asia sud-orientale. Habbito è un enorme centro commerciale, il primo del suo genere, che insieme a Hubba Thailandia ha deciso di progettare spazi condivisi non solo per lavoro, ma per il ristoro di tutti gli artisti e i creativi che lo frequentano.

sms3

Ci sono sette laboratori artigianali completamente attrezzati tra cui una camera oscura per la fotografia, una camera per stilisti di moda, una camera per i lavori in  ceramica, una sala per la lavorazione del legno, una sala per cinema e fotografia, nonché spazi per lezioni, seminari e proiezioni, una ampia zona ristoro-bar e uno spazio completamente attrezzato con strumenti digitali come macchine a taglio laser e stampanti 3D.

sms2

Lo spazio è aperto per 24 ore al giorno e l’obiettivo di sviluppatori e partner è di creare un vero e proprio hub creativo e per promuovere lo sviluppo della progettazione creativa in Thailandia.

sms10

Il design dell’intero Hubba è stata affidato a Supermachine  uno studio di Bangkok

sms6

Responsabile del team di Supermachine, l’ architetto Yupadee Suvisith, con Pitupong Chaowakul, ha creato un ambiente coerente utilizzando alcune idee semplici: invece di nascondere i tubi degli impianti, i progettisti li hanno sottolineati con un luminoso turchese.; unendo così insieme forma, funzionalità e colore.

sms5

 

sms4

 

sms1

Fotografia: Wison Tungthunya

Digiglass

Digiglass non è il primo né l’unico esempio di piatto porta-bicchiere, ma a differenza di ciò che si trova attualmente in commercio, questo è progettato per consentire di tenere con la stessa mano sia il piatto che il bicchiere. l’altra rimane libera per mangiare comodamente.

diglass-slide

Inoltre, il sostegno inferiore, in corrispondenza del foro porta bicchiere, permette di sorreggere il piatto anche quando il bicchiere viene tolto per bere.

Digiglass è disponibile in diversi modelli:
MODELLO BABY :
Piatto 23×25 cm. con foro portabicchire diametro 6,5 cm (specifico per feste di compleanno ed eventi dove si utilizzano i classici bicchieri di plastica usa e getta da 200cc)

MODELLO DELUX MONOVASCA:
Piatto 23×25 cm. monovasca con foro portabicchire diametro 7,5 cm (ideale per eventi come Happy Our dove si utilizzano bicchieri grandi di 250cc e oltre)

MODELLO DELUX BISCOMPARTO:
> Piatto 23×25 cm. biscomparto con foro portabicchire diametro 7,5 cm (ideale per eventi come Happy Our dove si utilizzano bicchieri grandi di 250cc e oltre)

LINEA BIO:
MODELLO DELUX MONOVASCA:
Piatto 23×25 cm. monovasca con foro portabicchire diametro 7,5 cm (ideale per eventi come Happy Our dove si utilizzano bicchieri grandi di 250cc e oltre)

MODELLO DELUX BISCOMPARTO
Piatto 23×25 cm. biscomparto con foro portabicchire diametro 7,5 cm (ideale per eventi come Happy Our dove si utilizzano bicchieri grandi di 250cc e oltre)

piattoportabicchiere-feste

per informazioni: http://www.diglass.it

Architetture edibili

Cosa succede quando un architetto ama cucinare?
Dinara Kasko è la risposta.
La pasticcera ucraina è il maestro della combinazione tra cucina e forme geometriche  con ispirazione architettonica.
architectural-cake-designs-patisserie-dinara-kasko-04
Lei compone i suoi dolci come se fossero edifici e creando  strutture  commestibili  uniche.
architectural-cake-designs-patisserie-dinara-kasko-015
Da un’intervista per Good Magazine la Kasko ha dichiarato;”Ho molte idee non realizzate e una grande voglia di sperimentare. Non voglio imitare  gli altri; voglio creare qualcosa di nuovo!

Room Service Collection

Studio Appetit ha progettato una serie di cioccolatini per gli alberghi da regalare agli ospiti o per giocare con questi ultimi  e inscenare una sorta di caccia di tesoro.
Il Dutch culinary design studio ha collaborato con cun il cioccolatiere Oialla per progettare la Room Service Collection  che include cinque serie di cioccolatini, che variano per aroma e forme.

Room Service by Studio Appétit

Cioccolatini nella serie intitolata Flavour Exploration Club vengono disposti strategicamente in tutto l’albergo per accompagnare i visitatori in un “viaggio sensitivo” attraverso l’edificio.

Room Service by Studio Appétit

Al loro arrivo verrà consegnato agli ospiti un manuale che descrive nel dettaglio: aromi, storia e dettagli circa le tipologie di cioccolatini.

La serie Terrains è basata sui dettagli trovati nei panorami naturali .
Le serie, PRTCL hanno le forme di solidi di cioccolato con iniziale incisa in loro. Questi sono imballati in una scatola di legno e cuoio.

Room Service by Studio Appétit

“La nostra agenda è non aggiungere necessariamente un cibo nuovo o una  bibita all’albergo, ma creare  con l’infrastruttura esistente”.

Room Service by Studio Appétit

Il Food Design e la reinterpretazione dell’identità campana: arriva Playchef Design Contest

concorso di design

RES Architettura e l’Ordine degli Architetti di Napoli promuovono un concorso per la realizzazione di un progetto di Food Design riproducibile, sostenibile, innovativo e che sappia reinterpretare l’identità territoriale campana. La competizione è aperta ad architetti italiani ed europei, designer e studenti di architettura e di design.

consegna entro il 7 febbraio 2017

16/12/2016 19:16:56 16/12/2016 19:16:56 concorsi di architettura

consegna entro il 7 febbraio 2017

RES Architettura e l’Ordine degli Architetti di Napoli promuovono Playchef Design Contest, un concorso che mira alla realizzazione di un progetto di Food Design riproducibile, sostenibile, innovativo e che sappia reinterpretare l’identità territoriale campana, esprimendo insieme tradizione e contemporaneità. L’oggetto progettato dovrà diventare uno strumento tale da instaurare un’interazione “ludica” tra fruitore e cibo, inducendo gesti, azioni inedite e nuove modalità di utilizzo. Il prodotto dovrà rientrare nella categoria dei complementi per la tavola e potrà essere realizzato in diversi materiali da combinare oppure da far lavorare singolarmente.

Il concorso vuole stimolare il design autoprodotto passando attraverso l’instaurazione di rapporti virtuosi di reciprocità tra produzione progettazione e la diffusione di una cultura del design tale da favorire e valorizzare le caratteristiche peculiari di un territorio e le tradizioni locali. Il Food Design attinge la sua forza proprio da queste tradizioni e può essere la chiave di rilettura giusta in un’ottica del tutto contemporanea, trasformandosi esso stesso in motore per l’instaurarsi di una cultura glocal che trova valore aggiunto nella ricerca progettuale applicata al Food.

Partecipazione

La partecipazione è gratuita e aperta ad architetti italiani ed europei iscritti agli Albi professionali e alle Associazioni di categoria, che potranno concorrere in forma singola o associata. Sono ammessi anche designer e studenti di architettura e design, purchè appartenenti a un team con almeno un architetto che sia nominato capogruppo.

Ogni partecipante o gruppo potrà presentare una sola proposta progettuale.

Iscrizione

Per iscriversi al concorso gli interessati dovranno presentare, entro il 7 febbraio 2017, la domanda di partecipazione e gli elaborati specificati nel bando, inviando il tutto via mail a playchef.napoli@archiworld.it.

Premi

Saranno premiati i primi tre progetti designati migliori dai lavori della Giuria.

Il 1° classificato riceverà 1000 € e vedrà realizzati, dalle aziende partner, 10 multipli di design del progetto che saranno presenti per 6 mesi, gratuitamente, sulla piattaforma ecommerce OXALAB nella sezione dedicata a playchef®.

Il 2° classificato riceverà 750 € ed avrà il primo multiplo di design realizzato e la possibilità di commercializzare lo stesso per 6 mesi gratuitamente sulla piattaforma e-commerce OXALAB nella sezione dedicata a playchef®.

Il 3° classificato riceverà 500 € ed avrà il primo multiplo di design realizzato attraverso la cooperazione delle aziende partner.

Ai primi tre classificati, inoltre, sarà garantita l’iscrizione del progetto presentato al Registro Progetti ADI (www.adi-design.org/registro-progetti).

Bando | Domanda di partecipazione

Per maggiori informazioni visitare www.na.archiworld.it, www.resarchitettura.wixsite.com e www.oxalab.com oppure scrivere a playchef.napoli@archiworld.it.