Transformative Appetite

I ricercatori del MIT hanno provato a relazionarsi con una rinnovata forma della pasta creando una tipologia di pasta bi-dimensionale che si trasforma in oggetto tri-dimensionale una volta cotto  in acqua.
La “pasta programmabile” ha una componente in gelatina mischiata con l’amido. La gelatina si espande naturalmente all’assorbimento dell’acqua, dando modo ai ricercatori di manipolare il cibo.

Come con  il prototipo Flat-Pack, il vantaggio principale sarebbe, a detta degli studiosi, quello di risparmiare sui costi di spedizione dei prodotti alimentari.
Avendo maccheroni di forma piatta invece  che cava, ad esempio, si potrebbe stipare, nella stessa busta,  una maggiore quantità di cibo, consentendo all’utente finale di mangiare comunque un  pasto tridimensionale.
 
“Abbiamo fatto alcuni calcoli semplici:  in una confezione di pasta come i maccheroni, si ha circa il 67 per cento del volume occupato da aria”, ha detto Wen Wang, uno degli scienziati della squadra di ricerca.
“Abbiamo pensato che forse in futuro la forma del nostro cibo potrebbe cambiare, e cambiando, potrebbe essere imballato in modo da risparmiare spazio.”
Il Tangible Media Group  fa parte del Media Lab del Massachusetts Institute of Technology (mit). Il Media Lab lavora all’incrocio tra tecnologia, Multimedia, Scienze, arte e design.
Wang ha condotto il progetto, intitolato Transformative Appetite (appetito trasformativo), insieme al collega Yao. Essi sono stati sostenuti nella ricerca  da Chin-Yi Cheng, Daniel Levine, Teng Zhang e Hiroshi Ishii, che dirige il gruppo di media tangibile.
I ricercatori sono in grado di controllare la forme che la pasta assumerà: possono creare un semplice arco di tipo maccheronico utilizzando due strati di gelatina – uno strato superiore più denso su uno strato inferiore più sottile.
Lo strato superiore assorbe più acqua, crescendo archi di curvatura differenti
Per forme più irregolari, il team 3D stampa sottili strisce di cellulosa commestibile in vari modelli sullo strato di gelatina. Queste strisce fungono da barriera all’assorbimento dell’acqua.
“In questo modo si può avere programmabilità”, ha detto Yao. “In ultima analisi, si può controllare il grado di flessione e la geometria totale della struttura.”
I ricercatori hanno detto che la pasta che hanno prodotto per l’appetito trasformativo “ha una grande consistenza e un buon sapore”. Hanno anche lavorato con uno chef in un ristorante di Boston per testare le versioni High-end della pasta aromatizzata con plancton e inchiostro di seppia.
Personalmente, trovo questo progetto molto interessante dal punto di vista del design e dell’idea di ottimizzazione degli spazi; da italiana (e con un po’di campanilismo) trovo l’idea di mescolare gelatina al tradizionale impasto di semola e acqua, una cosa non particolarmente appetibile.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...