Tastemaker

Il colore, il materiale e le dimensioni delle posate Tastemaker sono il risultato di una ricerca sull’influenza e sulla manipolazione del gusto.

Sembra che una posata leggera, piccola e blu accentui un sapore salato. Al contrario, le posate più pesanti, più lunghe e bianche accentuano la dolcezza del cibo. La manipolazione del cibo è una pratica quotidiana. Basta guardare ai supermercati, dove le confezioni dei prodotti esposti si basano proprio su questo tipo di ricerche.

Le posate, volutamente realizzate in fragile porcellana in modo da prestare attenzione a ogni boccone, sono state presentate durante gli eventi di Experimental Gastronomy al Lloyd Hotel di Amsterdam. Durante queste serate, gli ospiti sono stati introdotti, secondo un approccio innovativo, al cibo vegano olandese. Le posate, realizzate da Renée Boute e Lisanne van Zanten, sono uno dei risultati di questo approccio innovativo.

Oltre al set normale le due designer hanno realizzato un’edizione limitata in oro e platino. L’oro, utilizzato anche dai degustatori di gelato, esalta i sapori dolci, mentre il platino intensifica il salato.

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...