wagashi

Molto del moderno food design si basa sull’arte della presentazione dei piatti insita nella cultura orientale tanto che, anche l’alta cucina occidentale comincia a guardare alla composizione del piatti come completamento di un progetto che tenga in considerazione non più solo il senso del gusto ma quello della vista. I Wagashi, dolcetti composti principalmente da farina di riso e marmellata di fagioli azuki, sono piccoli capolavori artistici,  poesie di zucchero tipiche della pasticceria tradizionale giapponese. Capaci in pochi dettagli di diventare veri e propri inni alla natura, l’origine dei wagashi risale all’era Yayoi ma la tipologia di lavorazione è stata fortemente influenzata dalle tecniche introdotte dalla Cina. E’ praticamente impossibile elencare quante siano le tipologie e le forme presenti sul mercato ma è possibile differenziarle in grandi categorie:  Mochi e Dango (a seconda del tipo di cottura) i cui ingredienti cambiano a seconda delle stagioni.

Per chi fosse interessato si è tenuto un interessante appuntamento con i maestri pasticceri della storica pasticceria SAIUNDO di Matsue.

 Roma, 17 novembre, presso l’Istituto Giapponese di Cultura in Via Gramsci 74

 Per informazioni http://www.jfroma.it/homepage.htm

2 pensieri su “wagashi

  1. ….è incredibile come si riescano a confondere le acque anche con poche parole!!

    Questo articolo è pieno di lacune e inesattezze…
    Soprassedete!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...