le vie del pane

le-vie-del-pane-copia

mappa di barbara falcone

Una mappa sintetica delle principali vie di diffusione del pane.

Dall’Etiopia e attraverso le coste del nord Africa, la coltivazione del grano  si sviluppa ed si espande, differenziando, di fatto, i popoli nomadi dagli stanziali.

Dalle coste egiziane, lungo le rive del Nilo, fino in Palestina, i metodi di panificazione si differenziano e il pane diventa con o senza lievito.

In Grecia, i metodi di panificazione, appresi dalla cultura egizia,si moltiplicano: i greci, prima dell’invasione romana, avevano codificato fino a 72 tipi di pani differenti.

I romani appresero dall’esperienza dei greci e progettarono forni adatti alla cottura uniforme del pane.

Con l’espansione dell’impero e, in seguito della religione cristiana, la cultura del pane si diffonde in tutta l’ Europa.

A partire da questi elementi, si può seguire una vera e propria via del pane nel Mediterraneo, dove le isole furono spesso scali essenziali, ed è in effetti nelle isole che si ritrovano oggi le tradizioni del pane meglio conservate.

La produzione del pane unisce, dunque, le nazioni del Mediterraneo confrontandole con un passato comune, che resta ancora molto presente oggi nella memoria, ma anche nell’attività quotidiana degli uomini.

 

Annunci

5 pensieri su “le vie del pane

  1. Trovo di grande interesse questa via del pane.
    Sono fortemente interessato ad approfondire l’argomento e a mettermi in contatto voi.
    dr.agr. giuseppe messina – caserta
    responsabile della casa museo laboratorio della civiltà rurale – caserta

  2. l’argomento delle mappe e dei segni che il cibo lascia sul territorio, il valore unificante del pane o del vino, la storia dell’evoluzione di popoli e nazioni anche attraverso l’evoluzione del cibo, sono argomenti che ritengo molto interessanti, non solo per la mia ricerca, ma per la loro portata universale…

    Sono molto interessata ad approfondire l’argomento che, sicuramente riserva scoperte e sorprese non sondabili nello spazio di un post.

    per contattarmi: ciboarchitettura@yahoo.it

    a presto arch. Barbara Falcone

    • Grazie, intanto per l’attenzione.
      L’associazione di cui sono il responsabile scientifico (Casa Museo Laboratorio della Civiltà Rurale di Castel Morrone-Caserta) si sta occupando di uno studio attorno al pane e alle sue forme.
      Siccome troviamo assai interessante la mappa da lei sviluppata, le chiedo se la posso inserire nel testo in parola citando, ovviamente la fonte. Se esiste un testo, volume, ecc. dove magari è inserita la suddetta mappa, sarei lieto di citarla in bibliografia.
      Grazie ancora e a presto.
      dr.agr. Giuseppe Messina

  3. Grazie ancora per l’interesse dimostrato per la mia ricerca. La mappa è inedita, in quanto parte della mia ricerca di dottorato Cibo-Architettura (purtroppo non ancora pubblicata).
    Può certamente pubblicarla alle condizioni da lei proposte, ma le sarei grato se, a pubblicazione fatta, mi potesse inviare l’articolo o il capitolo in cui è inserita. Mi farebbe molto piacere.
    A presto
    dott.arch.Barbara Falcone

  4. I casini della lega sono forse l’unica buona notizia in questa deprimente fase politica. La speranza è che da questo momento inizi unaib217;in&rresta8#le decadenza di questo partito politico che ha fatto dell’insulto verso altri connazionali e verso altri popoli meno fortunati il suo tratto maggiormente caratterizzante. Speriamo bene.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...