Tastemaker

Il colore, il materiale e le dimensioni delle posate Tastemaker sono il risultato di una ricerca sull’influenza e sulla manipolazione del gusto.

Sembra che una posata leggera, piccola e blu accentui un sapore salato. Al contrario, le posate più pesanti, più lunghe e bianche accentuano la dolcezza del cibo. La manipolazione del cibo è una pratica quotidiana. Basta guardare ai supermercati, dove le confezioni dei prodotti esposti si basano proprio su questo tipo di ricerche.

Le posate, volutamente realizzate in fragile porcellana in modo da prestare attenzione a ogni boccone, sono state presentate durante gli eventi di Experimental Gastronomy al Lloyd Hotel di Amsterdam. Durante queste serate, gli ospiti sono stati introdotti, secondo un approccio innovativo, al cibo vegano olandese. Le posate, realizzate da Renée Boute e Lisanne van Zanten, sono uno dei risultati di questo approccio innovativo.

Oltre al set normale le due designer hanno realizzato un’edizione limitata in oro e platino. L’oro, utilizzato anche dai degustatori di gelato, esalta i sapori dolci, mentre il platino intensifica il salato.

 

EyesCream & friends

EyesCream & friends, una gelateria di Barcellona aperta nel settembre 2012 a Paseo Joan de Borbò, continua a far parlare di se per il suo concetto di gelato è unico nel Mediterraneo.
Il “gelato rasato”, noto anche come “xue hua bing” proviene da Taiwan. Molto popolare in Asia e nelle Hawaii, ha una trama a metà tra il ghiacciolo e  ilsorbetto ed è ottenuto da un grande blocco di ghiaccio, solitamente preparato sulla base di frutta frullata (per i sorbetti) e crema (per per i gelati). Il blocco è poi tagliuzzato usando una macchina per ottenere un ghiaccio sottile e leggero senza cristalli, che risulterebbero sgradevoli in bocca.
9ff7d9d7ff60172f06cd239e7ae5c125
Da EyesCream & friends, c’è la possibilità di scegliere tra diversi gusti, anche isoliti, tra i quali: cheesecake, vaniglia, cioccolato, yogurt, yogurt wildberry, fragola e mango. 
Ogni piatto è dotato di due guarnizioni “liquide tra cui scegliere”:  miele, dulce de leche, salsa di latte condensato (OMG), cioccolato, ecc. e una solida.
ae116688cad1cfa6b90e98b8e7db50c6
Il packaging è ‘eco-friendly’ con un contenitore per il ghiaccio e gli altri due per gli accompagnamenti. Decorazione e identità visiva (di Estudio M Barcemona)  hanno conseguito il Bar Design Awards dal 2013.
0e33f6634a0fdf1d2e6351d182a469da
A ogni sapore è associato un piccolo mostro, creato per l’occasione, il più divertente è il Ed Brown con il suo slogan ‘ non giudicarmi per il mio colore ” (non fare affidamento sul mio colore).
c9e83dd3847f461d36087be3e99cffd7

Pollok chocolate bar

Il coccolatiere Unelefante rende omaggio a Jackson Pollock con una serie di barrette di cioccolato, al 54% di cacao, dipinte a mano e grondanti di colore.

Edible Crayon and Paint Splattered Chocolate Bars by Unelefante paint food chocolate
Photo by KNSTRCT

Edible Crayon and Paint Splattered Chocolate Bars by Unelefante paint food chocolate
Photo by KNSTRCT

 Tatiana Sánchez, fondatore e direttore creativo di UNELEFANTE, tiene molto alla sua cultura; tutti i prodotti sono prodotti in Messico e sono ispirati dalla cultura messicana. Se c’è un momento da festeggiare, UNELEFANTE potrebbe essere solo il modo migliore per dare il via alla festa.

Dove Ceno

Segnalo volentierti un interessante blog di Alberto Sciortino che, oltre a proporre un’idea interessante ed intrigante, consente anche di guadagnare qualcosa (che, in tempi di crisi, è sempre piacevole).

“Il sito è un ponte tra amanti della cucina e persone che amano cucinare.
Il gioco semplice, un “cuoco” organizza una cena e decide il prezzo un “cliente” va a cena dal cuoco, paga e conosce nuove persone… “

header

Dal sito:

COME FUNZIONA LA CENA?

Per il cuoco:Entri nel sito e ci proponi un evento nell’apposita pagina (Organizza una cena), segnalandoci: numero di persone massime, menù, descrizione della cena, ecc. ecc. Noi pubblicheremo l’evento e apriremo l’iscrizione. Il giorno precedente all’evento chiuderemo le prenotazioni e ti daremo tutti i dati dei vostri ospiti. Nel giro di una settimana avrai il rimborso della somma dovuta con una percentuale del 10% per il nostro tramite.

Per l’ospite: Entrato nel sito l’ospite cerca un evento nell’apposita pagina (Cene attive divise per regione) e dopo aver fatto la sua valutazione acquista l’evento. Il giorno precedente all’evento, riceverà i dati del cuoco (telefono e indirizzo dell’evento), pronto per la sera successiva.

Sul sito, oltre a trovare il link alle cene attive (pronte per la prenotazione) si possono trovare anche tante ricette per prendere ispirazione.

 

Se siete interessati: http://doveceno.jimdo.com/

Mappe golose

Food maps, progetto artistico di Caitlin Levin (food stylist) e Henry Hargreaves (fotografo), nasce dalla passione per il viaggio e dall’esplorazione dei luoghi attraverso il cibo letto come portale delle loro complessità culturali.

henry-hargreaves-+-caitlin-levin-map-countries'-most-popular-food-designboom-03

Sud America , mappa con frutta tropicale

Le cartografie di alcuni i paesi del mondo vengono re-interpretate attraverso l’uso di prodotti tipici delle loro terre. Così l’Italia diventa regina dei pomodori, il Brasile della capirinha, la Francia disegnata con formaggi e baguette , gli Stati Uniti con varie tipologie di mais e così via.

henry-hargreaves-+-caitlin-levin-map-countries'-most-popular-food-designboom-11 

Italia, mappa con pomodori

Il progetto parla dell’universalità del cibo e di come esso unisca le persone e dimostra come i vari ingredienti possano trasformare l’identità culturale di un luogo pur provenendo, magari da un’altra parte del mondo.
 

henry-hargreaves-+-caitlin-levin-map-countries'-most-popular-food-designboom-02 

Gran Bretagna e Irlanda, mappa con biscotti

henry-hargreaves-+-caitlin-levin-map-countries'-most-popular-food-designboom-04 

Nuova Zelanda, mappa con kiwi

henry-hargreaves-+-caitlin-levin-map-countries'-most-popular-food-designboom-09 

Cina, mappa con noodles

henry-hargreaves-+-caitlin-levin-map-countries'-most-popular-food-designboom-07

 Giappone, mappa con alghe

henry-hargreaves-+-caitlin-levin-map-countries'-most-popular-food-designboom-06 

Africa, mappa con banane

henry-hargreaves-+-caitlin-levin-map-countries'-most-popular-food-designboom-05 

India, mappa con spezie

henry-hargreaves-+-caitlin-levin-map-countries'-most-popular-food-designboom-08 

Francia, mappa con formaggi e pane

henry-hargreaves-+-caitlin-levin-map-countries'-most-popular-food-designboom-10 

Australia, mappa con gamberi


Foto di Levin e Hargreaves

Kitchen becomes open!

logo

dal sito: http://demode.it/openkitchen/

LA CUCINA DIVENTA OPEN!

Un laboratorio per innovare Meccanica (di demode engineered by Valcucine)
Valcucine Brera Design District, Fuorisalone 2014
10 fra maker, designer, progettisti selezionati per produrre innovazione sul tema “cucina open source”.
La cucina diventa OPEN!  è un workshop per reinterpretare Meccanica, marchio demode engineered by Valcucine, lavorando sul tema dell’accessorio, della struttura, sul digital add-on e physical computing, in un vero laboratorio di digital fabrication appositamente allestito nello showroom di Valcucine durante la Milano Design Week 2014.

In occasione della Milano Design Week 2014 Valcucine e dotdotdot promuovono una Call for Ideas indirizzata a progettisti, designer, maker, sviluppatori e programmatori che operano nel campo del design, studenti o semplici appassionati.
L’obbiettivo è quello di riunirsi in una progettazione partecipata e collaborativa sul tema della cucina.

Una maratona di cervelli, un incubatore di idee per far nascere nuovi progetti e soluzioni che sviluppino o modifichino il concetto di cucina, nei suoi differenti aspetti: attraverso i suoi accessori, intervenendo sulla sua struttura o con progetti di digital add-on e             physical computing. Ideando, quindi, nuove soluzioni estetiche e/o funzionali da sviluppare tramite l’uso della tecnologia e/o dei classici strumenti da designer.
La cucina oggetto di studio è Meccanica del marchio demode engineered by Valcucine.
http://www.demode.it/it/prodotti/meccanica

Le sue caratteristiche sono descritte qui:
http://www.demode.it/it/prodotti/meccanica/plus

Ognuno dei suoi plus può rappresentare il punto di partenza per la progettazione durante il workshop.

kitchen library

Una sala di lettura in piena atmosfera  “Arabeschi di Latte” con alcuni prodotti iconici Karimoku New Standard e variazioni realizzate appositamente per l’occasione.

KNMX13_206_DN23384_pre2KNMX13_205_DN23407_pre2KNMX13_203_DN23418_pre2KNMX13_204_DN23442_pre2KNMX13_207_DN23388_pre2

Una libreria temporanea con una speciale selezione ofbooks, a cura di edizioni Fortino. KNMX13_210_DN23475_pre2

KNMX13_218_DN23510_pre2

Lo spazio di luce diventa un rifugio tranquillo e ricreativo per riposare e leggere. Un’occasione unica di incontro nel cuore del nuovo distretto di progettazione a  Lambrate Ventura, dove fermarsi e assaporare idee e visioni.

KNMX13_223_DN23520_pre2541573_615685121793941_1342446590_n

http://www.fortinoeditions.com
http://www.fruitoftheforestmagazine.com
http://www.karimoku-newstandard.jpKNMX13_209_DN23456_pre2

Palladian

Da domusweb.it

In occasione di Maison&Objet 2014 Custhom ha presentato la sua ultima collezione Palladian, una serie di ceramiche, lanciate a settembre 2013 in occasione della London Fashion Week, che si completa ora con le carte da parati, esposte per la prima volta a Parigi.

00_custhom-palladian

Le ceramiche sono state usate per una speciale collaborazione con Tom’s Kitchen, coordinata da Michelin con la partecipazione dello chef Tom Aikens, alla Somerset House. Custhom ha lavorato sull’architettura di Palladio, traducendo la forma classica della finestra palladiana in un audace progetto grafico. Giocando con il concetto di cornice, i disegni esplorano l’uso dello spazio al negativo, della geometria, della forma e della scala, rifiniti con il tocco metallico tipico di Custhom.

11_custhom-palladian

Custhom, Palladian collection, carta da parati

 

L’esplorazione grafica è sostenuta da una raffinata palette cromatica, con il blu reale inglese che contrasta con il bianco e l’oro. La collezione è interamente realizzata in Gran Bretagna, le carte da parati usano carta certificata FSC e le finiture metalliche sono realizzate a mano nello studio londinese di Custhom. Le ceramiche sono state prodotte a Stroke-on-Trent con porcellana inglese e ogni pezzo ha una bordatura dipinta a mano in oro 22 carati.

06_custhom-palladian

Custhom, Palladian collection, ceramiche

 

Nathan Philpott e Jemma Ooi si sono conosciuti durante gli studi al Royal College of Art e hanno fondato Custhom nel 2009. Lo studio combina una vasta gamma di fonti di ispirazione dalle diverse discipline, come la tipografia e l’illustrazione, con l’uso intelligente e innovativo dei materiali e dei procedimenti, creando un dialogo ricco e interattivo tra linee, texture e colori.