mini vertical garden

Mini Vertical Garden è un  sistema modulare ed eco compatibile  ideale per la creazione di una piccola o grande parete verde in cui coltivare erbe aromatiche , frutta e verdura;  una sorta di giardino verticale, sul terrazzo, sul balcone o nella propria cucina.

Grazie ad un design fresco, essenziale e contemporaneo, Minigarden può essere posizionato in ogni punto della casa.mentre la sua particolare conformazione consente di conservare più a lungo l’acqua all’interno delle tasche al fine di mantenere umido il compost.

I moduli , disponibili in nero o bianco, sono realizzati in polipropilene copolimero, che, secondo “La Guida Verde” # 77, Istituto Guida Verde  , sono sicuri e non chimici.

I kit sono disponibili in una versione ridotta (tre livelli di piantagione e 1 vassoio di base), o per i grandi giardini, in un sistema più grande.

scambio

Sono ormai trascorse quasi tre settimane da quando i responsabili ai archiproducts mi hanno contattata per chiedermi se fossi interessata a  fare con loro uno scambio di indirizzi. Ovviamente la cosa mi ha riempita di gioia, sono stata contenta e anche un po’ lusingata che un sito importante come questo abbia  contattata proprio me…Beh che dire… il sito è davvero davvero ricco di idee, indirizzi e immagini su tutti, davvero tutti i prodotti di design italiani e stranieri. Vale davvero la pena farci un salto.

Per informazioni:

http://www.archiproducts.com/

Wine tray

progettato da Munimula questo oggetto è un interessante ed elegante modo di servire il vino.

Composto da uno scatolare in alluminio satinato e colorato, dotato di piedini in silicone per un comodo appoggio, il”vassoio da vino” può contenere fino a quattro calici ed adattarsi a diverse tipologie di bottiglie (magnum escluse).

non c’è che dire… un’idea semplice ed innovativa.

time square restaurant

Times Square,  crocevia del mondo, diventerà una grande caffetteria su strada nell’ambito di un piano per portare, cibo, bevande e  servizi di vario genere ai pedoni che percorrono la piazza. La partenza del progetto, prevista per questa estate prevede cinque punti vendita, sparsi all’interno della piazza che serviranno cibo di strada a circa 350 persone sedute su altrettante sedie dipinte di rosso.

Questa attività, inserita all’interno di un programma di miglioramento della vivibilità quartiere, contribuirà, con i ricavati provenienti dall’affitto delle sedie e dalla vendita delle concessioni per la somministrazione di cibo e bevande, al mantenimento della piazza stessa.

Con i suoi  350.000 visitatori giornalieri, Times Square, tra i luoghi più redditizi e interessanti in cui cenare all’aperto in città, potrebbe davvero farcela.